Appuntamenti per soci

    Festa di San Venerio all’isola del Tino 15 e 16 settembre

    by ilmondodeifari |28 Agosto 2018 |0 Comments | Appuntamenti per soci, Appuntamenti Per tutti

    Al di là di ogni aspettativa il tino è tornato a vivere e ad accogliere – Cronaca di una festa.

    Il numero di persone che ha fatto accesso nel week end all’isola del Tino per la visita al faro-scrigno di San Venerio si è rivelato imponente: 1.000 nella giornata di sabato, circa 2500 domenica. Un dato che deve far riflettere sull’appeal e sulle potenzialità della perla del golfo della Spezia, del suo monumentale presidio luminoso, della storia che viene da lontano e poggia sul mito di Venerio (patrono del golfo e dei fanalisti d’Italia) su cui si è innestata la missione della Marina Militare a cui va il merito di aver preservato l’isola incontaminata. E’ al Comando Marina Nord e al Comando Marifari Alto Tirreno, che gestisce il faro, che va il ringraziamento dell’associazione ‘Il mondo dei fari’ per aver reso possibile l’esperienza delle visite e consolidato nei soci (ma anche nei turisti e nei pellegrini) la consapevolezza del valore sociale della fruibilità pubblica dei fari, beni dello Stato e quindi della comunità, gestiti e preservati dalla MMI.

    Entusiasti i visitatori, alcuni teneramente sconcertati per la gratuità della visita. Comprensibile lo stupore là dove la prassi delle visite ad oasi protette o ai musei è quella del ticket. Niente di tutto questo sull’isola del Tino.

    La visita guidata al presidio luminoso della Marina Militare – alle sale in cui sono custoditi i reperti che raccontano lo sviluppo tecnologico dei fari, le testimonianze del passato rappresentate dai reperti archeologici di fresco ritorno nell’isola, l’antica Santa Barbara che si è fatta schermo per suggestive proiezioni –  sono state garantite dai soci della nostra associazione, sull’onda della passione per i fari, la loro storia, la loro missione. Un impegno proiettato al futuro nell’auspicio che, anche grazie al successo delle visite del week end vada presto in porto la convenzione tra lo Stato maggiore della Marina e la nostra associazione e il CAI, per consolidare l’esperienza degli accessi all’isola e al faro. Un’occasione, questa, non solo per far apprezzare al grande pubblico i valori testimoniali custoditi nel faro, ma per permettere allo stesso di cogliere il valore attuale dell’impegno della MMI e di Marifari SP nel quotidiano adoperarsi per il funzionamento del faro, per creare cultura ed accoglienza sia pur su una piccola isola militare. Un’occasione anche per far apprezzare il prezioso lavoro dei faristi attuali e di quelli che hanno vissuto il faro del Tino come casa in modo eroico, come Antonino Rizzo e Renzo Fiorentini con la moglie Dina, e dell’impegno importantissimo, fondamentale, dei guardiani dell’isola, dipendenti civili del Ministero della Difesa, di cui è referente Marco Fortunato, in prima linea per la tutela dell’ambiente incontaminato e della sicurezza.

    Un comune sentire il nostro, soci dell’associazione “Il mondo dei fari”, CAI, uomini e donne di Marifari, guardiani dell’isola nel vedere affluire frotte di visitatori: l’orgoglio di essere, ognuno col proprio ruolo, parte di un ‘sistema’ virtuoso nel quale istituzioni e cittadini volonterosi rendono un importante servizio alla comunità. “Isola laboratorio” ha definito il Tino l’ammiraglio Giorgio Lazio, comandante di Marina Nord, proprio a proposito di questo convergere di belle energie, fra cui quella della nostra associazione, capaci anche di motivare e trascinare altri cultori di storia e di arte. Al politecnico di Bari, a fine mese, si parlerà di questa modalità di gestire i fari che accomuna molti dei fari dell’alto Tirreno gestiti dal Comandante Stefano Gilli: renderli fruibili e portatori di cultura, come è già sul Tino, a Genova, alla Lanterna e, speriamo presto, a Livorno. Gianluca Gregatti e Andrea de Caro, impegnati nei progetti attorno alla Lanterna di Genova ne saranno i portavoce.

    Anche il sindaco di Portovenere, Matteo Cozzani, esprime grande soddisfazione per il nuovo corso di eventi sul Tino: “come amministrazione siamo disponibili a collaborare con tutti i soggetti interessati a far fruire l’isola, fermo restando che il Tino è una riserva unica sotto il profilo naturalistico, storico e culturale e come tale deve essere mantenuta”.

    All’inaugurazione del piccolo museo archeologico, ricavato dalla squadra di Marifari SP in antichi locali del faro ed allestito con i reperti ritrovati sull’isola e restituiti dalla Soprintendenza, a cui va il grazie di tutta la cittadinanza e dei visitatori, era presente l’archeologo Simon Luca Trigona, che con le archeologhe Aurora Cagnana, Eliana Vecchi e il soprintendente, dott. Vincenzo Tinè hanno reso possibile la condivisione di questa memoria ritrovata.  Un grazie anche alla Polizia di Stato e alla dott.ssa Venezia per il dono che hanno fatto al museo.

    Vogliamo ricordare e ringraziare per la graditissima performance, il coro di Camnago di Lentate sul Seveso, con il maestro Nello Fugazza, accompagnati dal socio  Aldo Cappelletti, campione di modellismo, dalle cui mani sapienti hanno già preso forma i modelli di numerosi fari esposti nelle sale del museo dei fari.

    Fin dalla vigilia di San Venerio, l’isola della luce ha avuto un’espressione… luminosamente tangibile.

    I fasci di due cellule fotoelettriche hanno accolto il vescovo Pierluigi Ernesto Palletti, la statua del monaco eremita, i pellegrini e le autorità al seguito. Uno spettacolo bello in sè e per la sua portata rievocativa: le metodologie di avvistamento notturno, fino alla Seconda Guerra mondiale, del potenziale nemico nell’ambito della funzione-sentinella dell’isola a tutela del golfo. Un amarcord  reso possibile grazie al personale di Marifari coadiuvato da Stefano Danese, Alberto Campanini, Bruno Grassi, Marco Marchi e all’associazione Rover Joe di Fidenza.

    Altra spettacolare rievocazione, inserita nel programma di Marifari, quella del ‘presidio’ delle truppe francesi, ritessendo così il filo della memoria del periodo napoleonico dell’isola per cui si ringraziano gli amici Luciano Casolari e Paolo Ferrari per il coordinamento de “l’armèe d’Italie”.

    Ha preso così ancora più forza visiva la mostra delle opere di Marc Sardelli ospitata nel faro.

    La portata plurima nei valori – storici, ambientali, religiosi, militari –  dell’Isola  della luce è intanto efficacemente descritta nel video-poesia  realizzato da Elisabetta Cesari (con voce narrante di Jole Rosa) che pubblichiamo a corredo di questo scritto, sulle rotte dei nuovi orizzonti di impegno dell’associazione  che, intanto, ha fatto proseliti:  nuovi soci  si sono iscritti al Tino condividendo  passione e statuto.

    Un augurio: che questo fermento attorno e per l’isola del Tino produca effetti anche sul piano istituzionale per fare squadra e dare corso all’operazione necessaria per ripristinare la fruibilità all’area archeologica con la messa in sicurezza della frana come a gran voce auspica il nostro socio Corrado Ricci che presso il Cantiere della Memoria a Le Grazie ha riproposto la mostra “Sentinelle dell’infinito dai fuochi di San Venerio ai Fari della MMI”.

     

    8 Luglio al Tino e Palmaria

    by ilmondodeifari |17 Giugno 2018 |0 Comments | Appuntamenti per soci

    8 luglio Tino e Palmaria

    Rinnoviamo il nostro impegno associativo al Tino con una giornata dedicata a noi e a conoscere nuovi amici.

    Sabato 7 luglio gita ai forti della Palmaria ci troviamo entro le 16.00 a Portovenere già parcheggiati e prendiamo il traghetto per Palmaria che parte alle 16.15 per i ritardatari con pochi euro ci sono barchini che portano alla Palmaria. Posiamo zaini e vettovaglie in zona sicura  e procediamo per il giro dei Forti accompagnati da un nuovo amico Stefano Danese.

    Al termine della passeggiata bagno a Cala Ammiraglio e porta Party ognuno porta qualcosa anche per gli altri e ci si divide il tutto al termine rientro a Spezia

    Domenica 8 entro le 9.00 tutti al molo traghetti per le 5 terre a Spezia molo traghetti su passeggiata Morin potete parcheggiare le auto al Circolo Ufficiali Viale Italia 2 (mettetele vicino all’Ufficio di Marifari) portate 12 euro a persona spiccioli per il traghetto che partirà alle 9.30. Saremo tutti li Gilli Pacini Zaccagnini ritiro soldi e pagamento biglietti in biglietteria per tutti.

    alle 13.15 si rientra e spezia e pranzo per chi vuole in un ristoranti in zona.

    LARA VI PORTA A VISITARE IL FARO DI VIESTE

    by ilmondodeifari |3 Giugno 2018 |0 Comments | Appuntamenti per soci

    Nuovo appuntamento per i soci al faro di Vieste
    Lara Marchetta propone il seguente Programma:

    Venerdì pomeriggio 15 giugno visita Vieste con guida.

    Sabato mattina 16 giugno visita Faro di Vieste. Appuntamento per l’imbarco per l’isolotto di Sant’Eufemia 9.30 circa sul Lungomare Vespucci.

    Ore 12.30 – 13 rientro a Vieste.

    Ore 14.30 imbarco per tour lungo la costa sud di Vieste. Rientro ore 17.30, con possibilità di rimanere a bordo per un aperitivo al tramonto presso la Baia della Ripa (ai piedi del centro storico di Vieste).

    Cena sociale presso ristorante tipico.

    Domenica 17 giugno rientro o per chi volesse visita delle Isole Tremiti.

     

     

    Vele d’epoca al Tino

    by ilmondodeifari |30 Maggio 2018 |0 Comments | Appuntamenti per soci

    Domenica 10 giugno  Isola del tino

    Partenza regata dal Tino di vele d’epoca e visita al faro

    Comunicate al più presto chi è disponibile a venire con partenza alle 9.00 e rientro alle 13.00 posti limitati. Per aderire e prenotare il traghetto scrivere su Whatsapp oppure inviare email a ilmondodeifari@gmail.com

    IL FANALE DEI PISANI CHE ILLUMINA LIVORNO

    by ilmondodeifari |7 Maggio 2018 |0 Comments | Appuntamenti per soci

    La battaglia alla Secca della Meloria segnò l’inizio della fine della Repubblica Pisana e l’inizio del periodo d’oro della Repubblica di Genova. Il 27 maggio un bel gruppo di Genovesi verrà armato di macchine fotografiche e noi li accoglieremo con la nostra simpatia livornese e non solo.

    Programma:
    Sabato 26 maggio ci ritroviamo alle ore 18,00 al parcheggio Odeon di Livorno, da lì a piedi ci dirigeremo verso la torteria da Gagarin (via del Cardinale, 24) dove assaporeremo una specialità livornese il 5&5. A seguire sosta alla Terrazza Mascagni per ammirare e fotografare il tramonto. Verso le 20,45 la serata prosegue  da  Vizi e Virtù (via S. Jacopo in Acquaviva, 144) per l’apericena.

    Domenica 27 maggio: alle ore 9,00 ritrovo al faro per chi collabora all’allestimento. Ore 10,00 inizio visite Gruppo DLF Genova a seguire soci e ospiti. Ore 12,30 aperitivo alla base del faro. Ore 13,00 trasferimento in auto all’Hotel Palazzo parcheggio interno a disposizione. Ore 13,30 inizio pranzo sulla terrazza (euro 25,00 posti limitati). Nel pomeriggio alle 16,15 la giornata prosegue con il giro in battello per i Fossi Medicei (costo 10 euro posti limitati). Durante il pranzo ne  verranno illustrati i dettagli.

     

    SENTINELLE DELL’INFINITO

    by ilmondodeifari |10 Aprile 2018 |0 Comments | Appuntamenti per soci

    Tra luce e vele un salto indietro nel tempo all’isola del Tino

    L’inaugurazione di una mostra documentaria sul faro dell’isola del Tino; una veleggiata di vele latine di omaggio alla perla del Golfo, al presidio per la sicurezza per la navigazione, al suo pioniere San Venerio e al nascente percorso museale sulla storia dei fari allestito nel bastione napoleonico; laboratori marinareschi per i ragazzi e  report del Museo Navigante sul periplo d’Italia, fino a Séte in Francia, per mettere in rete i musei del mare. Sono gli appuntamenti  dell’evento <Sentinelle dell’infinito> promosso dall’associazione Il Mondo dei fari, dal Cantiere della Memoria, dal Circuito sulla Rotta dei leudi e dal Museo Navigante  in programma il 5 e 6 maggio prossimi alle Grazie, col patrocinio del Comune  e del Parco di Porto Venere,  della Pro Insula Tyro, l’adesione della Guardia Costiera  e il supporto tecnico della Società Porto Venere servizi portuali turistici, della Pro Loco Grazie, della sezione velica della Società sportiva Forza e Coraggio e del Cai.

    L’inizio è fissato il 5 maggio alle 18,30 l’inaugurazione della mostra al Cantiere della Memoria sulla storia del faro del Tino, sulle tecnologie che hanno scandito l’evoluzione del servizio di Marifari e sull’esperienza umana dell’ultimo guardiano del faro e del pioniere San Venerio. Un piccolo allestimento per attirare le attenzioni sull’esperienza museale apertasi sull’isola, sulla via del suo consolidamento.  Alle 21,30, nella sala affrescata dell’ex convento dei frati Olivetani, l’illustrazione, con filmati e testimonianze, dell’esperienza sviluppata dal Museo Navigante, dei risultati raggiunti e dei programmi futuri. Il giorno successivo la veleggiata mattutina delle vele latine, con partenza alle 9 delle Grazie e sbarco esclusivo degli equipaggi sull’isola, con visita al faro: un omaggio ad esso, alla sua storia e agli operatori dei Marifari che ne garantiscono il funzionamento. Gran finale con i giochi d’acqua del rimorchiatore San Venerio.

    Il 6 maggio ci troviamo alle 9.00 all’imbarco traghetti per le 5 terre ( zona Mirabello Viale Italia ) biglietto andata e ritorno 12 euro alle 9.30 riparte per il Tino e alle 10.00 inizia la visita all’isola e al faro. Alle 12.30 rientro a Spezia e trasferimento al Ristorante LA CASINA ROSSA presso il parco del Colombaio (zona Stadio) Pranzo a base di sgabei un primo e dolce al costo di euro 20. al termine rientro a casa

    TERZA ASSEMBLEA DEI SOCI

    by ilmondodeifari |21 Febbraio 2018 |0 Comments | Appuntamenti per soci

    Ci troviamo Sabato 3 marzo 2018 ore 14.00 alla Lanterna di Genova per la riunione annuale dei soci verranno illustrati i bilanci preventivo 2018 e consuntivo 2017 e approvate le cariche del Direttivo che necessitano essere sostituite. Parleremo anche di progetti gite e attività da realizzare nel 2018 e ci conosceremo con i nuovi iscritti.

    L’ingresso alla lanterna è dal Terminal Crociere passeggiata della lanterna

    Chi vuole mangiare con noi alla lanterna di Don Gallo a Genova alle 12.30 , prima della riunione,  mandi una email al mondodeifari@gmail.com indicando numero dei partecipanti riceverà tutte le informazioni per raggiungerci 

    Primavera nei Fari della Sicilia

    by ilmondodeifari |4 Gennaio 2018 |0 Comments | Appuntamenti per soci

    23 – 25 marzo 2018 

    PROGRAMMA DELLA GITA

    Venerdi 23: Volo su Catania prendiamo macchine a noleggio a gruppi Alessia Cesari coordina gruppi e prenotazioni auto per chi lo desidera. Trasferimento a Messina entro la sera del 23 e sistemazione in hotel (Capo Peloro Resort ****). Alessia prenota le camere per tutti al prezzo di 44 euro a doppia per notte.
    Sabato 24 Ritrovo alle 9.30 difronte Capitaneria di Porto di Messina e una volta tutti presenti visita al faro di San Raineri e al museo delle Mura. Ci spostiamo a Capo Peloro per il pranzo e visita al faro. Terminata la visita al faro andiamo a vedere la cantina di vino DOC “IL FARO” e a seguire liberi per attività a piacere. Chi lo desidera stare insieme anche la sera ci troviamo alle 20.00/20.30 in hotel per andare nelle vicinanze ad una apericena o qualcosa di sfizioso locale.
    Domenica 25 Ci troviamo alle 09.30 per una granita al Bar Messina e riprendiamo la strada verso Catania per visitare il Faro di Sciara Biscari. A seguire pranzo al Ristorante “il Faro” . Terminata la visita al Faro, attività libera a secondo orari partenza per chi ha tempo possiamo andare a visitare il centro storico di Catania o fare un salto a Taormina o Siracusa.

    Livorno 17 dicembre 2017 Natale al Faro

    by ilmondodeifari |9 Dicembre 2017 |0 Comments | Appuntamenti per soci

    Programma del giorno:

    ore 10.30 ritrovo in fondo a via Edda Fagni cancello Cantieri Benetti

    ore 11.00 inizio visita al faro

    ore 13.00 pranzo andana degli anelli (cacciuccata) Caffè Cellini

    ore 15.00 presentazione nuovo sito web e visita Fortezza Vecchia

     

    Faro di San Venerio – Isola del Tino (SP)

    by ilmondodeifari |27 Ottobre 2017 |0 Comments | Appuntamenti per soci, Eventi Annuali, Faro del Tino |

    16-17 settembre 2017 Golfo dei Poeti (SP)

    Festività di San Venerio patrono dei Faristi unica possibilità per il 2017 di accedere all’isola, visitare il Faro e, grande novità, il piccolo museo dei fari  che la Marina Militare e la nostra Associazione hanno creato al suo interno.

    L’isola è raggiungibile con traghetti che partono dalla Passeggiata Morin (Viale Italia) di La Spezia.

    “Impressioni di una giornata particolare”.
    Un’isola disabitata a meno di due miglia dalla costa … il fascino enigmatico di un grande occhio magico che dall’alto scruta l’orizzonte …
    inizia da qui un bellissimo viaggio nell’immaginario attraverso emozioni e sensazioni di una giornata particolare.
    A mano a mano che la barca si avvicinava alla meta allontanandosi dalla costa, si staccavano dalla mente i pensieri e le preoccupazioni del vivere quotidiano, si perdevano nel nulla le battaglie e le fatiche della realtà di ogni giorno per immergersi in una dimensione quasi fuori dal mondo, dove neanche il tempo ha più valore, una dimensione che apre le porte soltanto alla fantasia e alle emozioni …
    E’ la forza del Ciclope – e qui rubo un pensiero all’immenso Paolo Rumiz – che ti prende e si impossessa di te inglobandoti completamente.
    La salita, dal punto di attracco delle barche fino al faro, e’ dolce e avvolta nel silenzio. Il silenzio di un’isola disabitata la mattina presto e’ impressionante per chi e’ abituato a vivere in città…
    Così cominci a salire e a poco a poco appare fra gli alberi la torretta bianca della lanterna che si eleva sopra il caseggiato del faro, rosso fuoco. Uno spettacolo unico!
    Di lassù, a cento metri sul livello del mare, la vista è pazzesca, sembra di tenere l’infinito nel palmo di una mano.
    Così ti metti in ascolto, tendendo al massimo le percezioni, e ti entrano nell’anima il mare, le nuvole del cielo, la natura tutt’intorno, il fruscio del vento, i raggi del sole…
    Ti metti in ascolto di te stesso e di lassù ti arriva potente il senso del limite dell’uomo al cospetto dell’universo.
    E quando te ne vai e la barca ti riporta sulla terraferma, ti giri verso l’isola a guardare la riva a salutare per l’ultima volta il guardiano del mare, sapendo gia’ che soffrirai di nostalgia.
    ( Laura Branzanti – Faro di S. Venerio – isola del Tino – La Spezia – 16/9/2017)